Licei musicali, iscrizioni…

L’argomento trattato in queste righe  ha una sua complessità, in quanto riguarda una materia la cui gestione, richiederebbe il possesso di requisiti e conoscenze più approfondite e specifiche in campo musicale. Mi riferisco alle iscrizioni nei licei musicali. Tralasciamo, per adesso, la parte che riguarda l’obbligo della prova da eseguire con il primo  strumento all’esame  di  ammissione  etc…Voglio porre la vostra attenzione, invece, su quali specialità strumentali ammettere.
1) È possibile prevedere l’ammissione per specialità diverse, oppure gli alunni idonei all’ammissione possono essere anche di un’unica  specialità strumentale?
2) La graduatoria degli alunni ammessi deve essere unica o divisa per specialità strumentali?
3) Chi decide quali specialità strumentali devono essere ammesse e i criteri con i quali formare una classe prima di liceo musicale?
Le risposte, ovvie, rischiano di essere figlie solo del buon senso (che è sempre bene averne una buona dose), aldila’ della  legalità, cioè del rispetto delle norme.
Proviamo a rispondere.
Al punto 1 la risposta non può essere che NO. Immaginate una classe con un’unica specialità strumentale? (Ce ne sono di operatori che pensano si possa formare la classe con un’unica specialità strumentale…che dire!!). Va incentivato, con strategie utili,  lo studio di tutti gli strumenti musicali in particolare quelli considerati “minori” o “deboli”, tenendo presente che un’ampia pluralità di specialità strumentali garantisce una condizione ottimale per la pratica della musica d’insieme, disciplina fondamentale per la formazione dei futuri musicisti. Non si può ridurre i licei musicali allo studio di sole poche specialità strumentali; verrebbe meno la missione  primaria affidata proprio ai licei musicali. Avete presente da quante e quali specialità strumentali è formata  un’orchestra?!!! Ecco, i licei musicali prima e i conservatori dopo, devono formare i musicisti di tutte le specialità strumentali.
Le risposte al punto 2 e 3 le fornisce la circolare delle iscrizioni 2019/2020 che al paragrafo 2.1 “Iscrizioni in eccedenza” fornisce indicazioni e detta gli obblighi del Dirigente scolastico circa l’individuazione del numero massimo di iscrizioni da poter accogliere “in ragione delle risorse in organico”…. – Pertanto, preliminarmente, poiché potrebbero presentarsi richieste di iscrizione in eccedenza, la scuola procede alla definizione dei criteri di precedenza nell’ammissione mediante delibera del CONSIGLIO DI ISTITUTO, da rendere PUBBLICA PRIMA dell’acquisizione delle iscrizioni con AFFISSIONE ALL’ALBO, con pubblicazione sul SITO WEB  dell’istituzione scolastica”- .
Le risorse in organico dei licei musicali sono i docenti delle varie specialità strumentali; quindi, il dirigente scolastico comunica alla platea scolastica e alla commissione di esperti  incaricata per la valutazione degli alunni presenti agli esami di ammissione,  i posti e il tipo di strumento musicale disponibili presso il proprio istituto. QUESTI SONO OBBLIGHI.
I posti disponibili vanno definiti tra “primo” e “secondo” strumento, due specialità strumentali il cui studio è  obbligatorio.
Ovviamente la priorità va data alla copertura dei posti disponibili nelle classi dei docenti a t. i., poi ai docenti a t.d. e poi si passa alle specialità deboli.
Quindi la graduatoria degli ammessi non sarà unica ma divisa per specialità. Purtroppo dispiace rilevare che le criticità riguardanti i licei musicali sono ancora tante e in alcuni casi, per fortuna pochi, danneggiano i licei musicai. Penso che chi si occupa di licei musicali debba essere opportunamente e responsabilmente formato soprattutto se non musicista.